Hygroryza aristata

 

Nome scientifico: Hygroryza aristata
Famiglia:  Poaceae
Provenienza:  Sud est asiatico
Valori acqua:  Temperatura 10/28 –  PH 6/8 – GH 8/15
Coltivazione:  Galleggiante
Substrato:  Indifferente
Moltiplicazione:  Propagazione getti laterali
Difficoltà di coltivazione:  Media – Crescita media

 

Pianta perenne che si sviluppa galleggiando in superficie ma che in realtà in natura si trova radicata sul fondale in acqua bassa. Presenta foglie da ovali-ellittiche a lanceolate, a lamina intera, di colore verde oliva (vedi foto sotto)

e, se coltivata con forte illuminazione, è capace di sviluppare dei lunghi getti laterali, tanto da richiedere una periodica sfoltitura per evitare l’ombra alle piante sottostanti. Produce un’infiorescenza a pannocchia.

Le sue lunghe e decorative radici prodotte a internodi (vedi foto), costituiscono un buon nascondiglio per i piccoli avannotti.

 

Un dettaglio molto particolare di questa pianta sono le guaine fogliari gonfie a mo’ di salvagente che ne permettono il galleggiamento.

Particolare delle guaine fogliari di Hygroryza aristata.

Conosciuta anche come Zizania aristata o Pharus Aristatus, è l’unica della specie che viene regolarmente coltivata in acquari aperti o laghetti, dove può formare dei densi tappeti galleggianti.

 

_______________________________________________________

A cura di gio1265 – Foto: ex-portale poecilidi.com – © 2013 by Tropicalia, è severamente vietata la riproduzione anche parziale di testo e immagini senza il consenso dell’autore o dello Staff di www.tropicaliaonline.it.

Commenti chiusi