Echinodorus martii

Echinodorus martii

 

Nome scientifico: Echinodorus martii
Famiglia: Alismataceae
Provenienza: Brasile orientale
Valori acqua: Temperatura 18/26 –  PH 5,5/8,5 – GH 6/18
Coltivazione: Sommersa – Emersa
Substrato: Sabbia fine e argilla
Moltiplicazione: Scapo fiorifero
Difficoltà di coltivazione: Media – Crescita media

 

Pianta palustre molto bella e appariscente per le sue foglie verde chiaro e dal caratteristico margine ondulato che costituiscono un punto di richiamo apprezzabile. Le foglie sommerse sono molto più grandi di quelle ottenute in coltivazione emersa, hanno lamina oblanceolata, mancante di disegno trasversale e al contrario di altre Echinodorus in coltivazione sommersa non produce foglie emerse o galleggianti, particolare questo che la rende adatta a vasche chiuse.

 

Echinodorus martii

 

È importante per la sua crescita oltre che la costante somministrazione di Co2 e un’illuminazione medio-intensa anche una buona fertilizzazione soprattutto a base di ferro, in mancanza del quale le foglie tendono a diventare trasparenti.

Si riproduce sia in sommerso che in emerso tramite piante avventizie e infiorescenze non ramificate, più alte del fogliame. Lo scapo fiorifero è quasi rotondo e porta fino a 10 verticilli ognuno dei quali ha 6-15 fiori dal picciolo lungo, brattee lunghe, connate e molto larghe. Nel caso di alcune popolazioni annuali, la pianta muore dopo la formazione delle infiorescenze.

 

Echinodorus martii

  

_______________________________________________________

a cura di gio1265 – Foto: ex-portale poecilidi.com – © 2011 by Tropicalia, è severamente vietata la riproduzione anche parziale di testo e immagini senza il consenso dell’autore o dello Staff di www.tropicaliaonline.it.

Commenti chiusi