Echinodorus osiris

Echinodorus osiris

 

Nome scientifico: Echinodorus osiris
Famiglia: Alismataceae
Provenienza: Brasile meridionale
Valori acqua: Temperatura 18/26 –  PH 5,5/8,5 – GH 6/18
Coltivazione: Sommersa
Substrato: Ricco di sostanze nutritive
Moltiplicazione: Piante avventizie
Difficoltà di coltivazione: Media – Crescita media

 

Molto indicata per la coltivazione in acquario come pianta solitaria. Può raggiungere il metro di altezza e se trova spazio sufficiente si sviluppa bene anche in larghezza.

Il fogliame è di colore rosso-marrone che col tempo vira però al verde e, per mantenere la colorazione di origine, ha bisogno di intensa illuminazione.

Presenta margine più o meno andulato e macchie e linee trasparenti molto evidenti. Le infiorescenze, compreso lo scapo fiorifero, superano il metro di lunghezza, produce piante avventizie e i fiori spesso non si aprono.

Si è considerato fino a poco tempo fa questo Echinodorus un sinonimo di E. Uruguayensis ma, sia la sterilità sia la presenza di macchie e lunghe linee trasparenti sulla lamina, fanno supporre che la E. Osiris sia un ibrido naturale.

Raramente questa pianta viene mangiata dai pesci erbivori.

 

_______________________________________________________

a cura di gio1265 – Foto: ex-portale poecilidi.com – © 2011 by Tropicalia, è severamente vietata la riproduzione anche parziale di testo e immagini senza il consenso dell’autore o dello Staff di www.tropicaliaonline.it.

Commenti chiusi